blog

@Gianluigi Granero

Category: Cooperative di Comunità

Le cooperative di comunità: tra innovazione sociale e cittadinanza attiva.*

9ea4ebbf-9ab7-471d-8f68-0ceda42ec2c1Non è ancora fatto politico, ma stanno crescendo nuove esperienze di cittadinanza attiva che provano, nel gran disastro civile del paese, a guardare al futuro. Le cooperative di comunità sono parte di questo universo di buone pratiche e di ricostruzione di valori comunitari. Ciò che le caratterizza è il mettere al centro della propria azione l’interesse della comunità più che l’attività svolta a favore soprattutto dei soci. Ciò rimanda a un quadro assai diversificato tra servizi alla persona, agricoltura, ambiente, cultura, turismo, gestione di beni comuni. Un’ibridazione organizzativa e funzionale non ancora riconosciuta dal legislatore e non priva di fragilità e difficoltà imprenditoriali.  Eppure al centro di una sempre più fiorente attività di studio e ricerca proprio per il grande potenziale che incorpora e per la capacità che sta dimostrando di incidere positivamente sul destino dei luoghi.

In realtà è un fenomeno non nuovo.  La stessa società dei Probi Pionieri di Rochdale (1844), da cui si data la nascita del movimento cooperativo moderno, considerata soprattutto finalizzata al consumo, è invece da leggersi come una realtà più ricca e articolata con al centro innanzitutto la possibile emancipazione di una comunità.  Così come il più recente e straordinario affermarsi della cooperazione sociale ha proprio tra i suoi fondamenti, riconosciuti anche per legge, il favorire l’inclusione e il ricomporre il tessuto comunitario.  Quindi potremmo dire che è una sorta di ritorno alle origini. Ma con forti elementi innovativi.

Nelle differenze ci sono comunque importanti caratteristiche comuni:

  • il prevalere di esperienze che partono dai margini, dalle periferie urbane o territoriali (le aree interne) connotate da forti criticità (shock) che innescano una reazione nella ricerca di soluzioni autorganizzate ed autogestite. L’innovazione sociale ha quindi nelle periferie un luogo di sperimentazione, vivacità e azione di straordinario valore ed interesse nella ricerca di soluzioni e opportunità di sviluppo sostenibile;
  • la presenza di risorse latenti (ambientali, culturali, sociali) che possono essere attivate attraverso la capacità di ricombinazione di innovazione;
  • l’importanza del capitale sociale, risorsa capace di attivare, in un’azione generativa, gli altri asset del territorio. Molte cooperative nascono come spin-off di realtà associative (Pro Loco, volontariato sociale o culturale, ecc.) con cui spesso continuano a convivere e cooperare in una logica di divisione dei compiti. Rilevante risulta altresì il ruolo dei Comuni, degli Enti Parco e delle diverse realtà territoriali (con funzioni di promotore o facilitatore) e la forte capacità (senza eluderne le difficoltà che pur vi sono) di cooperazione tra i diversi attori istituzionali, sociali, economici che fa delle cooperative di comunità l’attivatore di un’azione collettiva;
  • la capacità di partire dai valori tradizionali e del territorio per ricombinarli con innovazione sociale e tecnologica (apertura e non chiusura difensiva);
  • l’intenzionalità dell’azione in cui le ricadute positive per il territorio diventano il fine;
  • la capacità di affermarsi come agenti d cambiamento del contesto in cui operano.

Anche la realtà ligure sta conoscendo il fiorire di questo fenomeno sia in contesti urbani (come avviene con la cooperativa Il Ce.Sto che opera nel centro storico di Genova, promuovendo il riuso a fini sociali e culturali di spazi sottratti all’abbandono ed al degrado, o con cooperative che si pongono l’obiettivo valorizzazione di beni comuni), sia  nelle aree interne (come per esempio avviene a Mendatica con una cooperativa che operando nel turismo sostenibile e nella valorizzazione del territorio si pone l’obiettivo di contrastare lo spopolamento occupando giovani e giovanissimi che in alcuni hanno anche deciso di “ritornare” a risiedere e lavorare nel loro paese). Le esperienze liguri si concentrano soprattutto su turismo, agricoltura, cultura e sociale, ma nella dimensione nazionale ed internazionale stanno emergendo fenomeni di rigenerazione urbana (anche in questo caso non solo nelle aree interne) con fenomeni di ripopolamento di assoluto interesse. In Liguria è questo il caso della cooperativa Ture Nirvane che attraverso un’azione sinergica tra un’associazione di abitanti e la cooperativa costituita da una parte di essi, ha recuperato e riabitato l’intera frazione di Torri Superiore (Ventimiglia) realizzandovi un ecovilaggio.

La centralità del capitale sociale è il punto chiave di tutti questi progetti attorno a cui è necessario ragionare in una logica di politiche per lo sviluppo locale. Le reti di relazione, le capacità delle persone di unire competenze ed impegno in un progetto, necessariamente di lungo periodo, per migliorare la vita della comunità sono gli elementi su cui costruire delle policy per rafforzarle, sostenerle, farle emergere in tutto il loro valore.

Il successo del lavoro di animazione svolto da Legacoop Liguria (iniziato ben prima che il fenomeno emergesse e venisse riconosciuto in tutto il suo valore) dimostra l’efficacia, anche evocativa, della cooperativa, la sua capacità di mobilitare risorse e sviluppare interesse verso un nuovo modello di sviluppo sostenibile. Dimostra altresì che a fare la differenza sono sempre le persone, le capacità di leadership che emergono, la cultura del territorio, il tessuto di relazioni sociali. Che è anche un buon insegnamento per la politica.

*Articolo pubblicato sul numero 10 de La Città, giugno-luglio 2019

Cooperative di Comunità: le persone al centro.

IMG_0067Alcune riflessioni sull’esperienza della Scuola delle Cooperative di Comunità 2019 chiusasi a Cerreto Alpi il 5 e 6 aprile u.s.
Un’esperienza molto bella che spero vorrete e potrete provare nelle prossime edizioni.
La Scuola delle Cooperative di Comunità è narrazione, attraverso le testimonianze dirette di cooperatori, operatori sociali e amministratori pubblici, ma anche scuola di politica e di management, attraverso gli interventi di docenti e ricercatori; insomma un ibrido stimolate, motivante e utile per chi si avvicina alla cooperazione, ma anche per chi la pratica e la promuove. Un’occasione di approfondimento, di studio di un fenomeno da cui trarre spunto per l’azione quotidiana.
Legacoop Liguria era presente con la presentazione del progetto Me.Co. da parte della professoressa Nicoletta Buratti (il progetto sembra poter ottenere buoni risultati, ma certamente ha già un felice esito nell’impegno della professoressa Buratti e del dott. Albanese. Nell’auspicio che anche nell’Università di Genova si sviluppi una conoscenza e uno studio della cooperazione stabile e duraturo rinverdendo la tradizione che ha visto nella facoltà di Giurisprudenza di Genova studi approfonditi sul diritto cooperativo. Le premesse ci sono).
In questa edizione si è visto plasticamente, più che nelle edizioni precedenti, non solo tutto il potenziale d’innovazione sociale della cooperazione di comunità, ma anche il consolidarsi di progetti di successo che incrociano l’abitare, le piattaforme cooperative, la produzione e vendita di energia da rinnovabili, l’agricoltura di qualità, il turismo sostenibile. Insomma alcune delle più importanti filiere innovative con cui la cooperazione si sta misurando.
Il tutto all’interno di una forte valenza valoriale e di riferimento alle radici cooperative.
La scuola, promossa da Confcooperative e Legacoop e che ha nelle cooperative “Valle dei Cavalieri” e “Briganti di Cerreto” instancabili e stupendi animatori, apre una frontiera su  un fenomeno che penso potrà avere la portata innovativa che ha avuto la cooperazione sociale e che certamente incrocia energie giovani e meravigliose, informando i processi cooperativi più interessanti in molte regioni italiane.
Funzione trainante è svolta da Aiccon e Euricse nelle relazioni con docenti e ricercatori giovani e dinamici, nella costruzione e formazione di cultura cooperativa, nella costruzione di un nuovo pensiero cooperativo, insomma un’esperienza che va ben al di là del solo fatto, già di per se rilevante, della cooperazione di comunità incrociando tutta la portata innovativa che la cooperazione può avere nella ricucitura delle diseguaglianze e le fratture sociali, tecnologiche, economiche, territoriali.
Da questa esperienza traggo alcune indicazioni:
1) l’idea di lavorare con rafforzata convinzione sul tema dei beni comuni trova conferma della sua bontà nelle esperienze in atto;
2) penso sia utile riprendere e riformulare il progetto della Scuola delle Cooperative di Comunità per Amministratori e Funzionari pubblici che nella sua edizione sperimentale svolta in Liguria aveva dato buon esito e che può rappresentare un buon strumento per avviare nuova progettualità e azioni di sviluppo locale;
3) l’Italia è ricca di asset inutilizzati, potremmo dire dormienti, pensate alle bellezze naturali, ai tantissimi beni culturali anche minori, alle scuole chiuse, alle case cantoniere ed alle vecchie stazioni, solo per citarne alcuni, ma il patrimonio principale sono le persone con i loro saperi, la capacità di ricombinare fattori diversi per produrre innovazione sociale e sviluppo. Per questo le cooperative di comunità costituiscono una straordinaria frontiera per l’Italia che deve obbligatoriamente ricucire diseguaglianze e disparità se vuole ripartire e pensare un nuovo futuro.

IMG_0899

Giovani liguri aperti all’innovazione

 

La ricerca di SWG sui giovani liguri e la loro propensione a fare impresa, a cinque anni da un’analoga ricerca, ci offre uno spaccato di una Liguria in movimento e reattiva confermando il trend che abbiamo potuto registrare con la costituzioni di nuove ed innovative imprese cooperative giovanili.

La fotografia dei giovani liguri che la ricerca di SWG ci restituisce è ovviamente policroma e complessa, ma ha un dato di fondo molto interessante e positivo: la maggiore propensione a fare impresa – rispetto alla media nazionale ed al dato ligure del 2012 – e soprattutto una significativa apertura all’innovazione di cui, pur cogliendone i rischi, vogliono cavalcare le opportunità.
Qui troviamo sia la capacità di risposta e di adattamento al negativo trend occupazionale ligure sia l’influenza positiva di una cultura promossa dalle imprese,  dall’Università e dai centri di ricerca a partire dall’IIT.

Non voglio nascondere o sottacere i grandi problemi della nostra regione, dal preoccupante trend demografico (in Liguria ogni 100 giovani ci sono 265 over sessantacinquenni) ed occupazionale (9% il tasso di disoccupazione), al modesto sviluppo inferiore al dato del nord-ovest del Paese, al crescente rischio povertà di ampie fasce di popolazione ( si veda povertà e famiglie in Liguria), ma ritengo doveroso che vengano proposti e costruiti percorsi per contribuire alle soluzioni.

Da qui l’idea di società che propugnamo e per cui lavoriamo con progetti impegnativi, di lungo respiro e che impegnano l’associazione e le cooperative di ogni settore. Una società collaborativa, aperta, inclusiva e per questo dinamica. Infatti, una società che si rinchiude, che costruisce muri e amplifica le differenze sociali non solo è una società ingiusta in cui si vive peggio, ma è anche una società che non cresce, che non promuove merito, fatalmente condannata al declino.

Servizi di welfare, servizi culturali, costruzione di legami sociali e comunitari, costruzione di spazi per il reale protagonismo delle giovani generazioni, formazione, servizi avanzati di supporto all’avvio d’impresa sono una parte delle azioni di un più generale ed ambizioso progetto che guarda al futuro.

L’occupazione in cooperativa è cresciuta anche in questi anni difficili, ma questo non basta e non dice tutto. Per questo, seppur sinteticamente ho provato a darvi conto di un più ampio disegno strategico che nel 2018 andrà rilanciato e rafforzato.

Siamo consapevoli che non esistono vie semplici per affrontare problemi complessi, che i risultati saranno di lungo periodo e che dipendono da noi solo in parte. Noi ci siamo messi in cammino.

 

 

 

 

 

VALORIZZAZIONE INTEGRATA DEL TERRITORIO: TURISMO, CULTURA, COMUNITA’

Alcuni dei driver della crescita si integrano in un macroambito che potremmo definire della “valorizzazione integrata del territorio” dove turismo, cultura, commercio e comunità si integrano e generano sviluppo per la Liguria e per la sua dotazione imprenditoriale ed occupazionale.

IMG_0067

La rete commerciale è componente fondamentale d’integrazione dell’offerta turistica. Così come l’intera filiera agro-alimentare e della pesca, e tutto il settore del turismo culturale, ambientale e naturalistico.

La valorizzazione integrata del territorio è un ambito in cui la forma cooperativa di impresa è particolarmente adatta, per questo come LegaCoop Liguria abbiamo promosso una specifica progettualità fatta di azioni di sostegno alla crescita ed allo sviluppo di un turismo cooperativo innovativo.

La gestione delle risorse territoriali, in uno scenario in cui il settore pubblico ha risorse sempre più scarse, lascia completamente irrisolti i problemi della gestione dei beni pubblici soprattutto di quelli appartenenti al c.d. patrimonio culturale minore e diffuso, grande ricchezza del nostro Paese e della nostra regione.  E’ proprio su questo tipo di patrimonio che la cooperazione gioca e può giocare un ruolo attivo importante.

Nel turismo, dove sono attive molte cooperative, spesso di piccole o piccolissime dimensioni, in alcuni casi vere e proprie eccellenze (come nel caso del Parco delle Cinque Terre ma non solo), abbiamo sviluppato azioni di rafforzamento dell’offerta  attraverso la promozione di collaborazioni tra cooperative ai fini della predisposizione di linee di prodotto od azioni commerciali e di marketing.

IMG_0012

Roberto La Marca: responsabile regionale cooperative turistiche e di comunità.

Senza poi contante che l’autoaiuto e l’autorganizzazione dei cittadini può essere strumento potente di rivitalizzazione delle aree svantaggiate, a partire dalle c.d. aree interne e non solo (pensiamo ai quartieri delle grandi città come Genova).

Dentro una nuova dimensione del rapporto tra cittadino, comunità ed istituzioni è possibile promuovere un nuovo modello di sviluppo sostenibile sia dal punto di vista ambientale che sociale.

Per sostenere quanto sta nascendo dalla partecipazione dei cittadini ed in coerenza con la strategia nazionale sulle aree interne, che ha determinato un utile protagonismo dei comuni dell’entroterra ligure, sarebbe utile dare sostanza alla Legge regionale sulle cooperative di comunità , dotandola di risorse finanziarie ed inserendola in un quadro integrato di azioni a supporto della crescita, dello sviluppo e della vivibilità di questi meravigliosi territori.